Introduzione all' Ayurveda

Ayurveda letteralmente significa scienza della vita. E’ una scienza che risale a circa 5000 anni fa e si ritiene sia la più antica conoscenza ispirata al benessere totale.
L’ Ayurveda viene spesso considerata, erroneamente, come un tipo di medicina indiana, limitando considerevolmente il suo vero significato e gli obiettivi che si prefigge. L’ Ayurveda, infatti, si occupa della vita, nella sua completezza, non solo nella cura delle malattie, ma anche e soprattutto, nel promuovere uno stile e una filosofia di vita che possano garantire salute e longevità, correggendo gli squilibri psicofisici dell'uomo prima che diventino vere e proprie patologie.

 IscriviTi ora 


Calendario 2018/2019 (Sono Aperte le Iscrizioni)

Date Pordenone 1° - 8° Livello:
28 Settembre 2018 Presentazione
27-28-29 Ottobre 2018
24-25-26 Novembre 2018
08-09-10 Dicembre 2018
26-27-28 Gennaio 2019
23-24-25 Febbraio 2019
23-24-25 Marzo 2019
27-28-29 Aprile 2019
25-26-27 Maggio 2019
Data esame: 20-21 Luglio 2019

Calendario 2017/2018 (Sono Aperte le Iscrizioni)

Date Pordenone 1° - 8° Livello:
30 Settembre 2017 e 01-02 Ottobre 2017
28-29-30 Ottobre 2017
11-12-13 Novembre 2017
09-10-11 Dicembre 2017
06-07-08 Gennaio 2018
03-04-05 Febbraio 2018
03-04-05 Marzo 2018
01-02-03 Aprile 2018
Data esame e residenziale: 16-17 Giugno 2018

Durata del Corso:
300 ore di Formazione Totale di cui 215 ore di lezioni teoriche e pratiche in sede + 60 ore di pratica e compiti a casa + 25 ore di Weekend Residenziale con Esame Finale

Orario:
09.30-18.30 con Pausa Pranzo

Per ulteriori informazioni contattare la segreteria.

Quota di partecipazione al corso:
€ 1.890,00 + € 25,00 di Tessera Associativa.
Quota comprensiva di materiale didattico ed attestato di frequenza della Scuola. Quota esame + Quota w.e. Residenziale di fine Corso NON INCLUSA: da definire. Alla fine del Corso è possibile richiedere il diploma Nazionale dello C.S.E.N. (riconosciuto dal C.O.N.I.) al costo aggiuntivo di € 130,00.

Modalità di pagamento:
Acconto di €150,00 all'iscrizione.
Saldo in massimo quattro rate da €405,00 cadauna entro il 5° livello.

VOLANTINO

 


 

L’ Ayurveda, essendo una scienza, va oltre la medicina, considerando l’uomo nella sua interezza, non solo come malato, e opera innanzi tutto per mantenere la salute, oltre che per ridarla.
Molte persone, però, rinunciano ad avvicinarsi all’ Ayurveda perché la ritengono una scienza di difficile applicazione per un occidentale, richiedendo sostanziali modifiche dello stile di vita, e rinunce ad abitudini consolidate.
L’ Ayurveda, invece, in quanto scienza della vita, non presenta limitazioni, ma è adatta e adattabile a tutti gli individui, qualunque sia la loro estrazione sociale, culturale, economica o geografica.
L’ approccio ayurvedico, infatti, si presta ad essere applicato a qualunque stile di vita perchè prevede l’integrazione di metodiche terapeutiche, alimenti e prodotti che provengono sia dalla scienza veda che dall’ambiente in cui essa viene applicata.
L’anima ed il corpo sono imprescindibili nell'uomo, che a sua volta è un microcosmo che partecipa della vita dell’universo (macrocosmo). In base a questo principio entrambi non possono essere considerati separati, pertanto, l'armonia ed equilibrio dell'individuo vanno di pari passo con l'armonia ed equilibrio della comunità, della natura, dell'universo.
Il concetto di equilibrio espresso dall'Ayurveda, come filosofia, comporta non solo il perfetto funzionamento dei vari sistemi ed organi, della psiche e dello spirito, ma anche un rapporto di felice convivenza con tutte le creature, con i familiari, con gli amici, con il lavoro, con il clima e la cultura in cui viviamo, con i propri ideali, con le abitudini e con la verità.
Quanto espresso fino ad ora può apparire un obiettivo irraggiungibile, da attuare tramite un percorso faticoso, magari irrealizzabile. Ma non è così. Anche un solo passo sulla strada giusta può determinare un grande cambiamento, una percezione del vero benessere. E quindi sarà più facile effettuare il secondo passo, che potrà essere di esempio a chi ci circonda, e che, forse, vorrà condividere il percorso, e renderlo meno impervio.
Spesso, anche se stiamo male e ci rendiamo conto che è necessario modificare qualche cosa della nostra vita, sentiamo una forte resistenza a farlo. E’ la paura del cambiamento, della rinuncia a ciò che conosciamo, che ci imprigiona nello stato di malessere.
L’ Ayurvedica aiuta a decidere di fare “solo” il primo passo, e mostra come farlo. Poi il resto avviene naturalmente, soprattutto lentamente e dolcemente, quando è il momento giusto, nel rispetto della natura dell’essere e della sua armonia.

Note e Regolamenti

La formazione si conclude con la partecipazione di tutti gli studenti all'incontro Residenziale fuori dalla sede del corso ma nelle vicinanze e prevede la Discussione della Tesi e la condivisione delle esperienze unitamente alla consegna degli Attestati di frequenza. In questa occasione sarà inoltre possibile raccogliere le iscrizione per il Tirocinio pratico e teorico (facoltativo) di 2 settimane in India per conseguire un ulteriore Attestato, rilasciato in India. (L'iscrizione al Tirocinio in India, viaggio,vitto e alloggio sono a carico dello studente).
NB: L'attestato rilasciato dalla Scuola Olistica Ananda Ashram permette di poter richiedere tramite la Scuola (con un costo aggiuntivo di € 90,00) il Diploma Nazionale dello CSEN (ente riconosciuto dal CONI).

Insegnanti

Dr. Vaidya Swami Nath Mishra | Shubhaji Satyaranjan

Published in Ayurveda

 IscriviTi ora 

Trattamenti di Massaggio Ayurvedico - “Una carezza sulla salute integrale”


Calendario 2017/2018

Date:
30 Settembre 2017
07 Ottobre 2017
29 Ottobre 2017
04 Novembre 2017
26 Novembre 2017
02 Dicembre 2017
17 Dicembre 2017
13 Gennaio 2018
28 Gennaio 2018
03 Febbraio 2018
25 Febbraio 2018
03 Marzo 2018
25 Marzo 2018
07 Aprile 2018
29 Aprile 2018
05 Maggio 2018
27 Maggio 2018
02 Giugno 2018
24 Giugno 2018


Un corpo rigido, bloccato, una mente stressata in continua tensione non consentono all’individuo di raggiungere quello stato di benessere psicofisico a cui tanto anela. Oggi sono molte le persone che hanno il culto per il proprio corpo. La tendenza è “fare” con il corpo invece di “sentire” con il corpo. Facciamo tutto in modo così meccanico… Abbiamo disimparato ad entrare in contatto e a sentire il corpo attraverso il tocco. Abbiamo dimenticato che questo porta con sé ripercussioni negative quali disturbi dello sviluppo, disagi psichici, sofferenze a livello organico e, non ultimo, indebolimento del sistema immunitario.
Ecco dunque il Massaggio Ayurvedico. Energetico, olistico, e intuitivo, lavora sul sistema muscolare e circolatorio e allo stesso tempo mette in atto i concetti orientali di energia e di scambio energetico tra chi effettua e chi riceve il massaggio si sperimenta uno stato di profondo rilassamento e benessere psicofisico. Dal punto di vista fisico si ottiene un miglior ritorno venoso, la stimolazione del sistema linfatico e il miglioramento della circolazione arteriosa. Inoltre, creando calore, si accresce il metabolismo e si migliora l’eliminazione delle scorie, si allungano e decontraggono i tessuti molli e si migliora il movimento delle articolazioni. Dal punto di vista più sottile si ha invece un riequilibrio energetico generale da cui deriva una generale sensazione di benessere, una profonda distensione fisica e mentale, la coscienza della propria unità corporea, l’aumento della sensibilità e della capacità di percezione, la piacevole sensazione di sentirsi a casa nel proprio corpo.
E poi il massaggio ayurvedico diventa meditativo. Tutto ciò accade attraverso il tocco. Le mani hanno un loro linguaggio, da cui traspare fiducia, amore, gioia, solidarietà. Sono l’estensione del cuore. Grazie alle mani possiamo dare e ricevere questo nutrimento Forse è perché abbiamo perso la fiducia nel corpo che diamo spazio soprattutto a situazioni che non ci mettono in contatto con il corpo, dedichiamo troppo poco tempo a questo semplice genere di aiuto che scaturisce dal calore umano. Una dimensione che invece dovrebbe rientrare nel quotidiano di ognuno di noi.

Massaggio Ayurvedico -“Una carezza sulla salute integrale”

Il Massaggio Ayurvedico (tradizionalmente abhyanga) è fatto su tutto il corpo con olio caldo. Molte persone chiedono cosa vuol dire “ayurvedico”, ayurvedico significa che questo tipo di massaggio ha origine nell’Ayurveda, la medicina tradizionale dell’India. Più precisamente, Ayurveda significa “Scienza della Vita”, tratta di tutti gli aspetti e di tutti i piani della vita: il piano corporeo, mentale e spirituale. L’Ayurveda non appartiene solamente alla cultura indiana e non riguarda solamente gli indiani, poiché tratta della vita - intesa come combinazione di corpo, mente e spirito - ha un valore universale applicabile a ogni cultura ed è utile in ogni tempo.
Oggi si osserva un crescente interesse della medicina moderna per le medicine antiche, invece di fare la guerra contro batteri e virus è molto meglio eliminare o evitare che nel corpo si formi il campo - l’ecologia - per la proliferazione di batteri e virus. Questo è il compito che si propone l’Ayurveda.
Fra i trattamenti usati in Ayurveda il massaggio è certamente il più conosciuto, a parte il fascino esotico esercitato sull’immaginario collettivo da qualcosa che giunge dall’Oriente… esistono i notevoli risultati terapeutici riscontrabili in poche sedute, l’efficacia in campo estetico e l’estrema piacevolezza del trattamento.
Si utilizzano oli caldi preparati con erbe secondo formulazioni antichissime, si differenzia il tipo di olio e la tipologia del massaggio in base alla costituzione e agli squilibri del cliente.
Fra gli effetti immediati del massaggio abhyanga si può notare il dissolversi delle tensioni, la sensazione di benessere e vitalità, la stimolazione della circolazione sanguigna, il drenaggio linfatico con conseguente ossigenazione di tessuti e cellule ed eliminazione di tossine.
E' particolarmente efficace per dolori articolari e muscolari, patologie digestive, insonnia, stress, guarigione da ferite, obesità, vista, stanchezza fisica e intellettuale, potenziamento delle difese immunitarie.
Un’altra domanda ricorrente è: “Che differenza c’è tra il massaggio ayurvedico e gli altri massaggi?”
Per fare qualunque tipo di massaggio le manovre sono sempre le stesse: strofinamenti, impastamenti, percussioni, sfioramenti, ecc. Nel caso del massaggio ayurvedico, a parte i millenni di storia che ha alle spalle, si tratta di un’arte sottile che non è soltanto abilità, ma piuttosto amore. Prima si impara la tecnica e in seguito, con il tempo e la pratica, si dimentica, arrivando a percepire e creare i movimenti attraverso il sentimento. Quando si conosce profondamente il massaggio, il 90% del lavoro si fa attraverso l'amore e il 10% attraverso la tecnica. Basta il contatto perché il corpo si rilassi, se c’è un sentimento di amore e comprensione per la persona che si massaggia, se si è riconoscenti per la fiducia e per il fatto che ci lascia agire su di lei con la nostra energia, allora l'impressione sarà quella di suonare uno strumento musicale, il corpo intero diventerà uno strumento per creare armonia. Non soltanto la persona massaggiata, ma anche chi massaggia sarà rilassato ed entrambi entreranno in uno stato meditativo.
Il massaggio ayurvedico è composto da una serie di pratiche diverse in grado di ridare una nuova vitalità anche al fisico più provato e di rimuovere i blocchi energetici.
L'operatore sceglie i movimenti più efficaci per il Cliente, in modo da alleviare lo stress, l'insonnia, la depressione, la stanchezza cronica, i dolori di varia origine, oltre ad aiutare il rinnovamento dei tessuti del corpo e riequilibrare il funzionamento degli organi interni.
Gli effetti benefici del massaggio continuano con una generale sensazione di rilassamento che invade immediatamente il corpo, primo passo perché l'organismo possa rigenerarsi. Un altro effetto immediatamente riscontrabile è il miglioramento dell'aspetto cutaneo, grazie all'eliminazione delle cellule morte superficiali, la pelle diventa più vellutata e tonica, più ricettiva all'assorbimento delle sostanze nutritive, infine, il massaggio ayurvedico è ottimo per trattare la cellulite grazie all'azione di stimolo sulla circolazione. In genere la seduta di massaggio dura circa un'ora.
Massaggiando si pensa solo a massaggiare, in silenzio, e non basta accontentarsi di un "tocco fisico", si stabilisce un’unione profonda fra chi opera e chi riceve il massaggio, come se l’anima penetrasse nel corpo dell'altro sciogliendo le tensioni più intense. Il massaggio ayurvedico è stato definito anche: “una carezza sull’anima”.

Published in Benessere

 “Beate quelle mamme che agiscono con amore e beati i figli di quelle mamme”

 IscriviTi ora 


Calendario 2018/2019 (Sono aperte le iscrizioni)

Date:
17/18 Novembre 2018
27/28 Aprile 2019

Orario:
Sabato 9.30-13.00 e 14.00-18.00 con pausa pranzo
Domenica 9.30-16.00 con pausa pranzo

Luogo:
via Prandina, 11 e 25

Per ulteriori informazioni contattare la segreteria.

Quota di partecipazione:
€ 180,00. Quota comprensiva di materiale didattico e Attestato di Frequenza

Modalità di pagamento: 
Acconto € 100,00 all'iscrizione, il saldo deve essere versato ad inizio corso.

Partecipanti:
Al fine di svolgere un lavoro completo e soddisfacente il numero dei partecipanti è limitato.

VOLANTINO


Introduzione generale al seminario per donne in gravidanza e neonati

L’Ayurveda è una delle più antiche dottrine mediche conosciute. I fondamenti teorici di questa antica dottrina derivano dalla religione e dalla filosofia tradizionali dell’India; l’Ayurveda è un ampio sistema di vita che si occupa non solo della salute dell’uomo, ma anche del rapporto dell’uomo con ciò che è superiore, con il cosmo. In quanto metodo terapeutico olistico l’Ayurveda mira alla cura ed al mantenimento della salute: essa comprende sia efficaci misure preventive sia interventi terapeutici, individuati in base ad un approfondito procedimento diagnostico attraverso cui si raccolgono informazioni sia sulle condizioni attuali della persona sia sul tipo costituzionale cui appartiene. Come metodo terapeutico che può essere praticato da soli l’Ayurveda aiuta a migliorare notevolmente il senso di benessere generale perché insegna a prestare attenzione ai bisogni naturali del corpo e vivere in armonia con essi. L’essenza della dottrina ayurvedica è che solo quando corpo, mente e psiche sono in armonia fra loro è possibile la perfetta salute. Il fine ultimo dell’Ayurveda è una lunga vita esente da malattie e sofferenza, ma anche la piena utilizzazione delle potenzialità spirituali, conseguibile con lo sviluppo della consapevolezza e con una visione spirituale del mondo.

“L’Ayurveda si occupa della vita nella sua totalità: perciò sia il dolore sia la gioia sono entrambi aspetti importanti di questa scienza. Ciò significa che l’Ayurveda insegna, da un lato, alcuni metodi che aiutano a liberarsi dai dolori e, dall’altro, i diversi modi in cui è possibile accrescere le gioie della vita”. Vinod Verma

Nella tradizione delle cure dell’Ayurveda gioca un ruolo fondamentale il massaggio come terapia di prevenzione e cura; è proprio in quest’ottica preventiva che questa antica dottrina considera di primaria importanza il benessere della madre in dolce attesa ed il tocco della mamma al proprio figlio, come messaggio d’amore, di protezione, di salute e di benvenuto alla vita.

Tradizione ayurvedica e donna in gravidanza

L'Ayurveda distingue il flusso della vita in quattro fasi, così come in natura ci sono quattro stagioni, ognuna con caratteristiche proprie. Lo stesso vale per la donna, che nel suo percorso di vita sperimenta quattro importanti passaggi: 1. Adolescenza 2. Maturità 3. Gravidanza 4. Menopausa. Ogni fase, caratterizzata da fattori particolari, è sempre dominata dall'energia dei Dosha, i tre principi fondamentali chiamati Vata, Pitta e Kapha. La loro prevalenza oltre ad identificare le varie tipologie costituzionali, crea il gioco dinamico nel flusso della vita ed i relativi cambiamenti. L'Ayurveda ci indica di seguire semplicemente quelle che sono in realtà fasi di cambiamento naturali, muovendosi nel flusso degli accadimenti e nel rispetto del corretto regime di vita, in modo da essere pronti ad affrontare anche i relativi problemi o disturbi che ognuna di queste fasi porta naturalmente con sè, senza opporvisi. Nella fase della gravidanza la donna sperimenta il più grande e importante dei cambiamenti. Ogni aspetto della sua vita ne è pienamente coinvolto: fisico, mentale ed emotivo. Il corpo gradualmente si adatta ad accogliere una nuova vita; emozioni contrastanti quali forza e paura, grande gioia ma anche irrequietudine accompagnano questo meraviglioso percorso di crescita per la madre ed il bambino in un’esperienza unica ed indescrivibile. Il contatto che si stabilisce tra madre e figlio durante la gravidanza è inscindibile, sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista emotivo; tutto ciò che sente e vive la mamma si ripercuoterà sulla creatura che porta in grembo. A seguito di questa naturale realtà, risulta chiara l’importanza di un opportuno regime di comportamento, di un’opportuna dieta e il ricorso a trattamenti ayurvedici quale il massaggio. Il massaggio con oli essenziali ricopre un ruolo importante sia per la condizione emotiva che per quella prettamente fisica; in base alla costituzione della donna si potranno verificare diversi disturbi che possono essere alleviati con un massaggio appropriato e con una scelta appropriata di oli essenziali. Una gravidanza vissuta con consapevolezza fin da principio è la migliore cura che si possa donare al proprio figlio.

Tradizione ayurvedica e neonato

Il massaggio del neonato appartiene ad una antichissima tradizione indiana che vede la relazione della madre con il bambino come un continuum energetico fra la vita uterina e quella esterna. Per il bimbo ci sono due fasi: quella di utero-gestazione (nel grembo materno) e quella di estero-gestazione (i primi sei mesi di vita dopo la nascita).

- Fase di utero-gestazione.
L’utero è un ambiente protetto, caldo e rassicurante ed è il primo ambiente nel quale il bambino prende coscienza e comincia a sperimentare l’uso dei sensi: il senso del gusto è attivo a partire già dalla tredicesima settimana di vita uterina; anche l ’olfatto è sviluppato ben prima della nascita (intorno alla diciassettesima settimana) e non di meno si può dire per l’udito, che intorno alla ventiquattresima settimana di gestazione provoca nel feto le prime reazioni ai rumori che arrivano dall’esterno. In effetti, però la prima vera esperienza sensoriale del feto è il movimento. Fin dalla sua origine, dal momento in cui lo spermatozoo incontra l’ovulo, il movimento domina qualunque trasformazione. L’organo di senso collegato al movimento è la pelle, che con i suoi innumerevoli ricettori è la prima a formarsi e produrre stimoli; la
pelle e il sistema nervoso sono quindi in stretta connessione.

- Fase di estero-gestazione.
I primi sei mesi di vita dopo la nascita rappresentano il primo approccio fisico ed emotivo con l’esterno. Naturalmente tutti i sensi verranno fortemente sollecitati edin particolare il senso del tatto; le esperienze tattili sono quindi fondamentali. Nel grembo materno il bambino si sente avvolto dalle pareti uterine, cullato dalla pressione ritmica del liquido amniotico. Se ci immaginiamo il calore e l ’avvolgimento dovuto al liquido amniotico, è logico dedurre che, quando il neonato al momento della nascita entra in contatto improvviso con l'aria esterna, abbia uno shock. Questo shock è naturale, ma è altrettanto naturale alleviare questo forte e improvviso cambiamento.
Il tocco delle mani, imbevute di olio tiepido, sulla pelle del bimbo nutre il neonato allo stesso modo del grembo materno prima della sua nascita e lo aiuta a prendere coscienza dei confini, che non sono più le pareti uterine.
Inoltre, il massaggio, stimola e regola il sistema circolatorio, muscolare, immunitario e gastrointestinale (prevenendo e dando sollievo al disagio delle coliche gassose); si rivela un buon regolatore del ritmo sonno-veglia. La stimolazione tattile delle terminazioni nervose della pelle, che trasmettono gli stimoli al cervello, determina la sensazione di uno stato di benessere e facilita la crescita psicofisica del bambino.
Non è una tecnica, ma è un modo di comunicare con il proprio bimbo, favorendo la relazione armoniosa tra genitore e figlio. "I nostri figli non ci appartengono, anche se arrivano attraverso di noi. Dobbiamo solo accompagnarli per un tratto del loro cammino e cercare di farli crescere felici".

Programma delle lezioni

Il programma è articolato in una parte pratica ed una teorica.

Sabato

Parte teorica:

  • Breve cenno di ayurveda: medicina antica di autoconsapevolezza e di cura preventiva
  • Donna in gravidanza ed ayurveda
  • Importanza del massaggio a livello fisico e psicologico nel caso di una donna in dolce attesa (a seconda delle diverse costituzioni)
  • Scelta degli oli (a seconda dei diversi tipi costituzionali e dei disturbi), precauzioni e tempi

Parte pratica:

  • Dimostrazione pratica e ragionata delle manualità del massaggio
  • Esercitazione guidata del massaggio per i partecipanti al seminario

Domenica

Parte teorica:

  • Importanza a livello psicologico e fisico del massaggio
  • Importanza del contatto madre e figlio
  • Scelta oli e materiali, precauzione e tempi
  • Scelta dei diversi trattamenti a seconda dell'età (primi 7 giorni, dopo 7 giorni, dopo un mese di vita)

Parte pratica:

  • Dimostrazione pratica e ragionata delle manualità del massaggio
  • Esercitazione guidata del massaggio per i partecipanti al seminari

Insegnanti

Valentina Beretta

Published in Ayurveda

Seminario di Approfondimento condotto dal dr. Swami Nath Mishra (medico Ayurveda indiano) e Shubha Satyaranjan

Il seminario sul massaggio dei punti marma ha lo scopo di approfondire la conoscenza di una tecnica di massaggio dell’Ayurveda utilizzata da millenni ma che solo in tempi recenti è stata introdotta in Occidente. Con un’adeguata preparazione, questa tecnica può essere aggiunta ai vari tipi di massaggio offerti dagli operatori di trattamenti bio-naturali nell’ambito di un Centro Benessere o nell’attività privata.
I partecipanti apprenderanno la localizzazione corretta dei punti, le diverse tecniche per stimolare i marma, il trattamento dei punti vitali per alleviare disturbi come: rinite, disturbi mestruali, lombalgie, mal di testa, problemi digestivi, disturbi della vista.

 IscriviTi ora 


Calendario 2018/2019 (Sono aperte le iscrizioni)

Date:

12/13/14 Ottobre 2018

Luogo:
via Prandina, 11 e 25

Per ulteriori informazioni contattare la segreteria.

Quota di partecipazione:
€ 225,00. Quota comprensiva di materiale didattico e Attestato di Frequenza

Modalità di pagamento: 
Acconto € 100,00 all'iscrizione, il saldo deve essere versato ad inizio Corso.

Partecipanti:
Al fine di svolgere un lavoro completo e soddisfacente il numero dei partecipanti è limitato.

VOLANTINO


Marma, i punti vitali del corpo, dove la coscienza incontra la materia

Il principio guida dell’Ayurveda è quello di armonizzare i ritmi corporei con quelli della natura in modo da assicurare una condizione di buona salute e prevenire l’insorgere di malattie. Uno dei modi per creare questo equilibrio è il massaggio dei punti marma chiamato “marmabhyanga”.
Il trattamento dei punti marma agisce sul corpo/mente/spirito, va molto al di là della dimensione fisica e arriva a penetrare il corpo a un livello più profondo, il livello in cui avviene la vera guarigione. Marma è un termine in sanscrito che significa nascosto o segreto, Sushruta, il padre della chirurgia, nel suo trattato Sushruta Samhita risalente a circa 5000 anni fa, definisce i marma come i punti dove si uniscono due o più tipi di tessuti: muscoli, vasi sanguigni, legamenti, ossa, articolazioni. Questi punti sono la sede principale della forza vitale, il Prana che pervade ogni parte del corpo. Possono anche essere descritti come la congiunzione di Vata, Pitta e Kapha, i costituenti corporei o i punti dove si incontrano Sattva, Rajas e Tamas, le qualità della natura e della mente, sono i punti che possono essere usati per guarire o per nuocere. Mentre un medico o un operatore usano questi punti per promuovere la salute, un guerriero può usare gli stessi punti per danneggiare un nemico. Nel Sharira Sthana, il VI capitolo del Sushruta Samhita, sono citati in dettaglio i 107 punti marma presenti nel corpo, il numero relativamente limitato li rende più facili da ricordare e semplifica il lavoro rispetto al migliaio di punti che vengono trattati nell’Agopuntura Cinese. L’Ayurveda distingue i marma in maggiori e minori, i punti maggiori corrispondono ai sette chakra, mentre i punti minori sono disseminati su tutto il corpo.
Come nell’agopuntura, per determinare la posizione e la grandezza dei punti si usa una misura (anguli) che corrisponde allo spessore di un dito della persona. Molti punti marma sono più grandi rispetto a quelli dell’agopuntura e questo li rende più facili da localizzare. I punti marma influenzano i chakra, la salute fisica, i dosha, le qualità della mente, influenzano inoltre il piano spirituale perché possono essere considerati il punto d’incontro fra eternità e relatività, fra Coscienza e materia. Il marmabhyanga aiuta a sviluppare la salute e la longevità del corpo e della mente, assicura il normale flusso ed equilibrio degli ormoni, dei fluidi, dei fattori immunitari. In generale lo scopo del massaggio dei punti marma è quello di stimolare gli organi e i sistemi corporei.
Il massaggio dei marma ha i seguenti benefici principali:

  • migliora il funzionamento del sistema nervoso,
  • favorisce il nutrimento del corpo,
  • promuove una buona qualità del sonno,
  • aumenta o mantiene la stabilità della salute

Una sessione di massaggio dei marma preceduto da un massaggio generale su tutto il corpo dura dai 60 ai 90 minuti durante i quali l’operatore stimola tutti i 107 punti o concentra l’attenzione su un gruppo di marma secondo l’esigenza della persona.
I punti vengono stimolati con uno o più dita secondo la grandezza del punto. Cominciando con un tocco leggero si aumenta gradatamente la pressione fino a che sia gradevole per chi la riceve. Il movimento può essere circolare in senso orario e antiorario o lineare di strofinamento sulla zona del marma, in questo modo si stimolano le energie e si eliminano i blocchi che ne impediscono il flusso. L’esperienza è di profondo rilassamento e allo stesso tempo tonificante.

Insegnanti

Dr. Vaidya Swami Nath Mishra | Shubhaji Satyaranjan

Published in Ayurveda

Visitare Rishikesh, in Himalaya, significa avere l'opportunità di conoscere i luoghi dove questa disciplina di vita millenaria è nata.
Il corso intensivo di Ayurveda Classico e Massaggio Ayurvedico è rivolto a chi è interessato ad approfondire la conoscenza dell'Ayurveda come viene proposto nelle Cliniche Ayurvediche in India e delle tecniche tradizionali dei massaggi e trattamenti Ayurvedici. Alla fine del corso i partecipanti avranno sperimentato direttamente i benefici dei trattamenti e saranno in grado di effettuare varie tipologie di massaggi secondo la necessità del ricevente.

 IscriviTi ora 

 


 

Calendario 2018

 

Date: 
dal 11 Agosto 2018 al 24 Agosto 2018
Sono aperte le iscrizioni

 

Luogo del Corso e Alloggio:
Hotel Laxmi Palace, Badrinath Road, Rishikesh, Uttarakhand 249201, India.

Per ulteriori informazioni contattare la segreteria.

 

Quota di partecipazione:
€ 1.260,00 per corso, vitto ayurvedico, alloggio in camera doppia, materiali didattici ed attestato di partecipazione. Viaggio a carico del partecipante.
€ 960,00 per il solo corso. Viaggio, vitto e alloggio a carico del partecipante.

 

Modalità di pagamento: 
Acconto € 150,00 all'iscrizione, il saldo deve essere versato ad inizio corso.

 

Colloquio:
E’ consigliato un colloquio di pre-iscrizione.  Al fine di svolgere un lavoro completo e soddisfacente, il numero dei partecipanti è limitato.


VOLANTINO

 


 

Teoria

  • Le qualità del Maestro e degli allievi
  • Introduzione all'Ayurveda: definizione di Ayurveda e di vita (ayu), ruolo e scopo dell'Ayurveda nella quotidianità.
  • Iniziazione all'Ayurveda classico con cerimonia del Fuoco
  • Introduzione al Panchakarma (5 Trattamenti classici di Disintossicazione)
  • Dai Tattva (principi cosmici) ai Panchamahabhuta (i 5 elementi fondamentali)
  • Dai 5 elementi ai Tridosha (i principi metabolici)
  • Qualità, funzioni, localizzazione dei doshanel corpo
  • I subdoshadi Vata, Pitta e Kapha
  • Dhatu, i tessuti corporei, Mala, gli escreti
  • Agni, il fuoco digestivo
  • Ama, il cibo non digerito
  • Prakriti, la costituzione individuale
  • Dinacharya, la routine giornaliera
  • Ritucharya, la routine stagionale
  • Sadavritta-Asadavritta, etica e stile di vita
  • Srota (Canali che trasportano il Flusso Vitale)
  • I 107 punti Marma (Centri vitali)
  • Utilizzo delle diverse tipologie di Oli in Ayurveda
  • L'importanza del Cibo in Ayurveda: Rasa, Vipaka, Virya, Prabhava, Guna, il sapore, gli effetti, la natura e le qualità speciali dei cibi e delle sostanze

Pratica

  • Angabhyangam (Massaggi parziali)
  • Padabhyangam (piedi e gambe in posizione supina e prona)
  • Nitambabhyangam (glutei)
  • Katiabhyangam (zona lombare)
  • Pristhabhyangam (schiena)
  • Shiroabhyangam (testa)
  • Skandhabhyangam (collo, spalle)
  • Hastabhyangam (mani e braccia)
  • Udarabhyangam (addome)
  • Vakshabhyangam (petto)
  • Mukhabhyangam (viso)
  • Samvahanam, massaggio riequilibrante e rilassante su tutto il corpo
  • Pratica di Samvahanamsecondo i doshaVata, Pitta e Kapha
  • SandhiAbhyangam (Massaggio articolare)
  • AnulomAbhyangam (Massaggio Arterioso)
  • VilomAbhyangam (Massaggio Venoso)
  • VartulAbhyangam (Massaggio Arteri-venoso)
  • Phenakam (Trattamento Linfodrenaggio e di bellezza)
  • Marma Abhyangam (Trattamento sui Punti Vitali)
  • Shirodhara (Flusso d'olio medicato caldo sulla fronte per riequilibrio sistema Nervoso)
  • Esercitazione finale
  • Condivisione delle esperienze
  • Consegna degli attestati e saluti finali

A chi è rivolto

Il Corso Intensivo di Ayurveda Classico e Massaggio Ayurvedico è rivolto a chi è interessato ad approfondire la conoscenza dell'Ayurveda classico come viene proposto nelle Cliniche Ayurvediche in India, e delle tecniche tradizionali dei massaggi e trattamenti Ayurvedici.
Durante lo svolgimento del corso i partecipanti avranno la possibilità di apprendere i principi basilari dell'Ayurveda e di trattamenti tradizionali Ayurvedici. Si apprenderanno inoltre varie tipologie di costituzione e caratteristiche individuali e condizioni di salute.
La struttura del corso prevede anche la pratica dello yoga e momenti di meditazione collettiva al fine di coltivare la sfera spirituale,indispensabile per la crescita dell'individuo nella sua totalità.
Al termine del corso i partecipanti avranno sperimentato direttamente i benefici dei trattamenti e saranno in grado di effettuare varie tipologie di assaggi secondo le necessità del ricevente.

Insegnanti

Dr. Vaidya Swami Nath Mishra | Shubhaji Satyaranjan

Published in Ayurveda

Introduzione all' Ayurveda

Ayurveda letteralmente significa scienza della vita. E’ una scienza che risale a circa 5000 anni fa e si ritiene sia la più antica conoscenza ispirata al benessere totale considerando l’uomo nella sua interezza, non solo come malato, e opera innanzitutto per mantenere la salute, oltre che per ridarla.
L’ Ayurveda viene spesso considerata, erroneamente, come un tipo di medicina indiana, limitando considerevolmente il suo vero significato e gli obiettivi che si prefigge. L’ Ayurveda, infatti, si occupa della vita, nella sua completezza, non solo nella cura delle malattie, ma anche e soprattutto, nel promuovere uno stile e una filosofia di vita che possano garantire salute e longevità, correggendo gli squilibri psicofisici dell'uomo prima che diventino vere e proprie patologie. Molte persone, però, rinunciano ad avvicinarsi all’ Ayurveda perché la ritengono una scienza di difficile applicazione per un occidentale, richiedendo sostanziali modifiche dello stile di vita, e rinunce ad abitudini consolidate.

 IscriviTi ora 


Calendario 2017/2018

Date:

Da definire

Luogo:
Extasy Medical SPA, Via al Forte 4 - 6900 Lugano (CH)

Durata del Corso:
10 Incontri Serali.

Orario:
19.00-23.00

Per ulteriori informazioni contattare la segreteria.

Quota di partecipazione al corso:
SFr. 960,00.

Modalità di pagamento:
Acconto SFr. 100,00 all'iscrizione.
Il saldo deve essere versato in massimo due rate entro il 5° incontro.

VOLANTINO


L’anima ed il corpo sono imprescindibili nell'uomo, che a sua volta è un microcosmo che partecipa alla vita dell’universo (macrocosmo). In base a questo principio entrambi non possono essere considerati separati, pertanto, l'armonia ed equilibrio dell'individuo vanno di pari passo con l'armonia ed equilibrio della comunità, della natura, dell'universo.
Il concetto di equilibrio espresso dall'Ayurveda, come filosofia, comporta non solo il perfetto funzionamento dei vari sistemi ed organi, della psiche e dello spirito, ma anche un rapporto di felice convivenza con tutte le creature, con i familiari, con gli amici, con il lavoro, con il clima e la cultura in cui viviamo, con i propri ideali, con le abitudini e con la verità.
Quanto espresso fino ad ora può apparire un obiettivo irraggiungibile, da attuare tramite un percorso faticoso, magari irrealizzabile. Ma non è così. Anche un solo passo sulla strada giusta può determinare un grande cambiamento, una percezione del vero benessere.

E quindi sarà più facile effettuare il secondo passo, che potrà essere di esempio a chi ci circonda, e che, forse, vorrà condividere il percorso, e renderlo meno impervio.
Spesso, anche se stiamo male e ci rendiamo conto che è necessario modificare qualche cosa della nostra vita, sentiamo una forte resistenza a farlo. E’ la paura del cambiamento, della rinuncia a ciò che conosciamo, che ci imprigiona nello stato di malessere.
L’ Ayurvedica aiuta a decidere di fare “solo” il primo passo, e mostra come farlo. Poi il resto avviene naturalmente, soprattutto lentamente e dolcemente, quando è il momento giusto, nel rispetto della natura dell’essere e della sua armonia.

Teoria

1° Introduzione all'Ayurveda, definizione di Ayurveda e di vita (ayu) Snehana, oleazione interna ed esterna.
2° Ruolo e scopo dell'Ayurveda, cenni storici. Introduzione al Panchakarma (trattamenti di purificazione).
3° Dai Tattva (principi cosmici) ai Panchamahabhuta (i 5 elementi), dai 5 elementi ai Tridosha (i principi metabolici).
4° Qualità, funzioni, localizzazione dei dosha nel corpo.
5° I subdosha di Vata, Pitta e Kapha. Prakriti, la costituzione individuale.
6° Dinacharya, la routine giornaliera. Ritucharya, la routine stagionale; Sadavritta - Asadavritta, etica e stile di vita.
7° Dhatu, i tessuti corporei. Mala, gli escreti. Agni, il fuoco digestivo. Ama, il cibo non digerito.
8° Srota, i canali di circolazione. Tri Marma, i tre principali punti Marma (punti vitali).
9° Alimentazione in Ayurveda 1° parte: Rasa, Vipaka, Virya, Prabhava, Guna.
10° Alimentazione in Ayurveda 2° parte: il sapore, gli effetti, la natura e le qualità speciali dei cibi e delle sostanze.

Pratica

1° Massaggio parziale: Padabhyangam (piedi e gambe in posizione supina e prona).
2° Nitambabhyangam (glutei), Katiabhyangam (zona lombare), Pristhabhyangam (schiena).
3° Shiroabhyangam (testa), Skandabhyangam (collo, spalle), Hastabhyangam (mani e braccia).
4° Udarabhyangam (addome), Vaksha-bhyangam (petto), Mukhabhyangam (viso).
5° Samvahanam, massaggio rilassante e riequilibrante sul corpo (posizione prona).
6° Samvahanam, massaggio rilassante e riequilibrante sul corpo (posizione supina).
7° Samvahanam, massaggio rilassante su tutto il corpo secondo i dosha (Vata, Pita e Kapha).
8° Pratica di Mridu Samvahanam, massaggio rilassante delicato su tutto il corpo.
9° Pratica di Sandhi Abhyangam il massaggio articolare Ayurvedico (posizione prona).
10° Pratica di Sandhi Abhyangam il massaggio articolare Ayurvedico (posizione supina).

Insegnanti

Dr. Vaidya Swami Nath Mishra | Shubhaji Satyaranjan

Published in Ayurveda

Introduzione all'Ayurveda

Ayurveda letteralmente significa scienza della vita. E’ una scienza che risale a circa 5000 anni fa e si ritiene sia la più antica conoscenza ispirata al benessere totale.
L’ Ayurveda viene spesso considerata, erroneamente, come un tipo di medicina indiana, limitando considerevolmente il suo vero significato e gli obiettivi che si prefigge. L’ Ayurveda, infatti, si occupa della vita, nella sua completezza, non solo nella cura delle malattie, ma anche e soprattutto, nel promuovere uno stile e una filosofia di vita che possano garantire salute e longevità, correggendo gli squilibri psicofisici dell'uomo prima che diventino vere e proprie patologie.

 IscriviTi ora 


Calendario 2018- 2019 (Sono Aperte le Iscrizioni)

Date Milano 1° - 8° Livello:
1° livello 02-04 Novembre 2018
2° livello 30 Novembre – 02 Dicembre 2018
3° livello 18-20 Gennaio 2019
4° livello 15-17 Febbraio 2019
5° livello 29-31 Marzo 2019
6° livello 12-14 Aprile 2019
7° livello 10-11 Maggio 2019
8° livello 14-16 Giugno 2019
20-21 Luglio ESAME.

Durata del Corso:
Il corso è strutturato in 8 livelli da 3 giorni consecutivi da venerdì a domenica per un totale di 300 ore di Formazione Totale di cui 215 ore di lezioni teoriche e pratiche in sede + 60 ore di pratica e compiti a casa con esame finale e relativa tesi.
La formazione si conclude con la Discussione della Tesi e la condivisione delle esperienze unitamente alla consegna degli Attestati di frequenza.

Orario:
09.30-18.30 con Pausa Pranzo

Per ulteriori informazioni contattare la segreteria.

Quota di partecipazione al corso:
€ 1.890,00 (8 livelli) + € 25,00 di Tessera Associativa.
Quota comprensiva di materiale didattico ed attestato di frequenza della Scuola. Quota esame di fine Corso NON INCLUSA: da definire. Alla fine del Corso è possibile richiedere il diploma Nazionale dello C.S.E.N. (riconosciuto dal C.O.N.I.) al costo aggiuntivo di € 130,00.

Modalità di pagamento:
Acconto di € 150,00 all'iscrizione.
Saldo in massimo quattro rate da € 435,00 cadauna entro il 5° livello.

VOLANTINO


L’Ayurveda, essendo una scienza, va oltre la medicina, considerando l’uomo nella sua interezza, non solo come malato, e opera innanzi tutto per mantenere la salute, oltre che per ridarla.
Molte persone, però, rinunciano ad avvicinarsi all’ Ayurveda perché la ritengono una scienza di difficile applicazione per un occidentale, richiedendo sostanziali modifiche dello stile di vita, e rinunce ad abitudini consolidate.
L’ Ayurveda, invece, in quanto scienza della vita, non presenta limitazioni, ma è adatta e adattabile a tutti gli individui, qualunque sia la loro estrazione sociale, culturale, economica o geografica.
L’ approccio ayurvedico, infatti, si presta ad essere applicato a qualunque stile di vita perchè prevede l’integrazione di metodiche terapeutiche, alimenti e prodotti che provengono sia dalla scienza veda che dall’ambiente in cui essa viene applicata.
L’anima ed il corpo sono imprescindibili nell'uomo, che a sua volta è un microcosmo che partecipa della vita dell’universo (macrocosmo). In base a questo principio entrambi non possono essere considerati separati, pertanto, l'armonia ed equilibrio dell'individuo vanno di pari passo con l'armonia ed equilibrio della comunità, della natura, dell'universo.
Il concetto di equilibrio espresso dall'Ayurveda, come filosofia, comporta non solo il perfetto funzionamento dei vari sistemi ed organi, della psiche e dello spirito, ma anche un rapporto di felice convivenza con tutte le creature, con i familiari, con gli amici, con il lavoro, con il clima e la cultura in cui viviamo, con i propri ideali, con le abitudini e con la verità.
Quanto espresso fino ad ora può apparire un obiettivo irraggiungibile, da attuare tramite un percorso faticoso, magari irrealizzabile. Ma non è così. Anche un solo passo sulla strada giusta può determinare un grande cambiamento, una percezione del vero benessere. E quindi sarà più facile effettuare il secondo passo, che potrà essere di esempio a chi ci circonda, e che, forse, vorrà condividere il percorso, e renderlo meno impervio.
Spesso, anche se stiamo male e ci rendiamo conto che è necessario modificare qualche cosa della nostra vita, sentiamo una forte resistenza a farlo. E’ la paura del cambiamento, della rinuncia a ciò che conosciamo, che ci imprigiona nello stato di malessere.
L’ Ayurvedica aiuta a decidere di fare “solo” il primo passo, e mostra come farlo. Poi il resto avviene naturalmente, soprattutto lentamente e dolcemente, quando è il momento giusto, nel rispetto della natura dell’essere e della sua armonia.

Note e Regolamenti

La formazione si conclude con la Discussione della Tesi e la condivisione delle esperienze unitamente alla consegna degli Attestati di frequenza.
NB: L'attestato rilasciato dalla Scuola Olistica Ananda Ashram permette di poter richiedere tramite la Scuola (con un costo aggiuntivo di € 130,00) il Diploma Nazionale dello CSEN (ente riconosciuto dal CONI).

Insegnanti

Dr. Vaidya Swami Nath Mishra | Shubhaji Satyaranjan

Published in Ayurveda

Corso Biennale di Formazione Operatori Ayurveda e Massaggio Ayurvedico

 IscriviTi ora 


Calendario 2018-2019 (Sono Aperte le Iscrizioni)

Date 1° anno:

20-21 Ottobre 2018
10-11 Novembre 2018
15-16 Dicembre 2018
12-13 Gennaio 2019
09-10 Febbraio 2019
16-17 Marzo 2019
06-07 Aprile 2019
18-19 Maggio 2019
22-23 Giugno 2019
27-28 Luglio 2019 ESAME

Luogo:
via Prandina, 11

Per ulteriori informazioni contattare la segreteria.

Durata del Corso:
Corso biennale suddiviso in 8 Weekend con esame finale alla fine di ogni anno
Viene proposto un monte-ore di 400 ore incluse le relazioni / tesi caricate sul sito della Scuola e da mandare via mail alla segreteria.

Quota di partecipazione:

1° Anno: € 1.260,00 (10 incontri) + € 100,00 di Esame + € 25,00 di Tessera Associativa.
2° Anno: € 1.350,00 (10 incontri) + € 100,00 di Esame + € 25,00 di Tessera Associativa.
Quote comprensiva di materiale didattico ed attestato di frequenza della Scuola.
Alla fine del Corso è possibile richiedere il diploma Nazionale dello C.S.E.N. (riconosciuto dal C.O.N.I.) al costo aggiuntivo di € 130,00.

Modalità di pagamento: 
Acconto € 150,00 + € 25,00 di Tessera Associativa all'iscrizione.
Saldo in massimo 4 rate entro il 4° incontro.

Colloquio:
E' previsto un colloquio individuale al momento dell'iscrizione. Al fine di svolgere un lavoro completo e soddisfacente il numero dei partecipanti è limitato.

VOLANTINO


Negli ultimi decenni, la medicina occidentale ha effettuato considerevoli progressi, soprattutto in ambito biotecnologico, che ci permettono oggi di usufruire di farmaci efficaci e di indagini strumentali sofisticate, con cui identificare precocemente molte malattie e trattarle adeguatamente.

Ciò nonostante, molto rimane da fare: tante sono ancora le malattie incurabili e spesso le malattie divenute curabili impongono al malato una scadente qualità di vita.

Inoltre, sebbene molta strada sia stata percorsa nell’ambito della prevenzione, in realtà i principali successi moderni riguardano la diagnosi precoce delle malattie, non sempre la capacità di evitare che si instaurino.

Ayurveda significa letteralmente scienza della vita. E’ una scienza che risale a circa 5000 anni fa e si ritiene sia la più antica conoscenza ispirata al benessere totale.
L’ Ayurveda viene spesso considerata, erroneamente, come un tipo di medicina indiana, limitando considerevolmente il suo vero significato e gli obiettivi che si prefigge. L’ Ayurveda, infatti, si occupa della vita, nella sua completezza, non solo nella cura delle malattie, ma anche e soprattutto, nel promuovere uno stile e una filosofia di vita che possano garantire salute e longevità, correggendo gli squilibri psicofisici dell'uomo prima che diventino vere e proprie patologie.
L’ Ayurveda, essendo una scienza, va oltre la medicina, considerando l’uomo nella sua interezza, non solo come malato, e opera innanzi tutto per mantenere la salute, oltre che per ridarla,
Molte persone, però, rinunciano ad avvicinarsi all’ Ayurveda perché la ritengono una scienza di difficile applicazione per un occidentale, richiedendo sostanziali modifiche dello stile di vita, e rinunce ad abitudini consolidate.
L’ Ayurveda, invece, in quanto scienza della vita, non presenta limitazioni, ma è adatta e adattabile a tutti gli individui, qualunque sia la loro estrazione sociale, culturale, economica o geografica.
L’ approccio ayurvedico, infatti, si presta ad essere applicato a qualunque stile di vita perchè prevede l’ integrazione di metodiche terapeutiche, alimenti e prodotti che provengono sia dalla scienza veda che dall’ambiente in cui essa viene applicata.

Secondo l’OMS, l’ Organizzazione Mondiale della Sanità, la salute non è solo l’assenza di malattia, ma uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale, e viene considerata un diritto per tutte le persone. Come è ormai chiaro, l’ Ayurveda condivide totalmente questo proposito e lo attua nella sua interezza, essendo più di una “semplice” scienza medica, dotata “solo” di strumenti terapeutici, ma essendo anche una filosofia, che si estende a caratterizzare lo stile di vita.
E’ ormai riconosciuto che alla base di molte malattie risiedono abitudini scorrette, come l’abuso di sostanze, o comportamenti inadeguati, che spesso ci vengono imposti dal ritmo di vita moderno, a cui non possiamo sottrarci. Non potendo modificare la società in cui viviamo, possiamo però imparare a proteggere il nostro benessere e a salvaguardare la nostra salute.
L’ Ayurveda aiuta a curare i disturbi causati dallo stress e da uno stile di vita spesso “non umano”. Molti sintomi fisici originano da alterazioni della sfera emotiva ed emozionale, generando vere e proprie malattie sia organiche che psichiche. E’ in questo contesto che l’ Ayurveda fornisce un contributo nuovo e prezioso: la cura dell’anima, non solo del corpo, con lo scopo di prevenire o di curare l’assenza di salute e di benessere, che affligge molte persone, spesso ignare di ciò che stanno subendo.
L’ anima ed il corpo sono imprescindibili nell'uomo, che a sua volta è un microcosmo che partecipa della vita dell’universo (macrocosmo). In base a questo principio entrambi non possono essere considerati separati, pertanto, l'armonia ed equilibrio dell'individuo vanno di pari passo con l'armonia ed equilibrio della comunità, della natura, dell'universo.
Il concetto di equilibrio espresso dall'Ayurveda, come filosofia, comporta non solo il perfetto funzionamento dei vari sistemi ed organi, della psiche e dello spirito, ma anche un rapporto di felice convivenza con tutte le creature, con i familiari, con gli amici, con il lavoro, con il clima e la cultura in cui viviamo, con i propri ideali, con le abitudini e con la verità.
Quanto espresso fino ad ora può apparire un obiettivo irraggiungibile, da attuare tramite un percorso faticoso, magari irrealizzabile. Ma non è così. Anche un solo passo sulla strada giusta può determinare un grande cambiamento, una percezione del vero benessere. E quindi sarà più facile effettuare il secondo passo, che potrà essere di esempio a chi ci circonda, e che, forse, vorrà condividere il percorso, e renderlo meno impervio.
Spesso, anche se stiamo male e ci rendiamo conto che è necessario modificare qualche cosa della nostra vita, sentiamo una forte resistenza a farlo. E’ la paura del cambiamento, della rinuncia a ciò che conosciamo, che ci imprigiona nello stato di malessere.
L’ Ayurveda aiuta a decidere di fare “solo” il primo passo, e mostra come farlo. Poi il resto avviene naturalmente, soprattutto lentamente e dolcemente, quando è il momento giusto, nel rispetto della natura dell’essere e della sua armonia.

Programma del Corso

1° Anno
1° incontro:

  • - Presentazione insegnanti e allievi, Shisya Upanayana. (iniziazione con cerimonia del fuoco)
  • - Teoria: Introduzione all’Ayurveda: definizione, ruolo e scopo dell’Ayurveda, cenni storici. Introduzione al Panchakarma. Snehana, oliazione interna ed esterna. Dai Tattva, i principi cosmici, ai Pancha mahabhuta, i cinque elementi. Dai Panchamahabhuta ai Tridosha, i tre principi metabolici
  • - Pratica: Manualità di base del Massaggio Ayurvedico. Massaggio parziale in posizione prona Padabhyangam (piedi), Nitambabhyangam (glutei), Pristhabhyangam (schiena), Skandabhyangam (spalle)
2° incontro
  • - Teoria: Anatomia e fisiologia
  • - Pratica: Massaggio parziale in posizione supina: Hastabhyangam (mani), Udarabhyangam (addome), Vakshabhyangam (petto). Mukhabhyangam (viso), Massaggio parziale, tutte le fasi nella posizione prona e supina
3° incontro
  • - Teoria Anatomia e fisiologia. Deontologia
  • - Pratica: Shiroabhyangam (testa)
4° incontro
  • - Teoria Anatomia e fisiologia. Qualità, sede, funzioni dei dosha. Subdosha di Vata, Pitta e Kapha. Prakriti, la costituzione individuale. Fattori che determinano la Prakriti. Tipi e Caratteristiche delle varie Prakriti
  • - Pratica: Samvahanam
5° incontro
  • - Teoria: Anatomia e fisiologia. Dinacharya, la routine giornaliera. Ritucharya, la routine stagionale. Sadavritta e asadavritta, etica e comportamento corretto e dannoso. Dhatu, i tessuti corporei. I sette Updhatu e le sue alterazioni
  • - Pratica: Samvahanam
6° incontro
  • - Teoria: Agni, il fuoco digestivo e l’importanza del fuoco digestivo in Ayurveda. Mala, gli escreti e la loro importanza in Ayurveda. Ama, il cibo non digerito e il ruolo del cibo non digerito in Ayurveda
  • - Pratica: Mridusamvahanam, il massaggio rilassante delicato
7° incontro
  • - Teoria: Rasa, i 6 sapori. Effetto dei sapori sui dosha. Vipaka, il sapore dopo la digestione. Virya, l’energia. Prabhava, l’azione particolare
  • - Pratica: Sandhi Abhyangam, il Massaggio articolare con l’olio
8° incontro
  • - Teoria: Guna, le qualità dei cibi e delle bevande. Ahara, il cibo: Qualità degli alimenti secondo i parametri dell’Ayurveda
  • - Pratica: Anulom, Vilom e Vartul il massaggio arterioso, venoso e vascolare
  • - Domenica pomeriggio: Test di valutazione
2° Anno:
1° incontro
  • - Teoria: Srota: i canali del corpo, funzione, cause di alterazione, sintomi di alterazione. Ojas Immunità secondo l’Ayurveda
  • - Pratica: Phenakam, il Massaggio Linfodrenante
2° incontro
  • - Teoria: Kriyakal: stadi dello squilibrio dei dosha
  • - Pratica: Potali / Othadam: trattamenti per alleviare i dolori con sacchetti di erbe inzuppati in olio medicato. Udvartanam: Udgharshanam, massaggio a secco con polveri vegetali. Lepanam, maschere e trattamenti di bellezza secondo l’Ayurveda
3° incontro
  • - Teoria: Marma, i punti vitali del corpo in Ayurveda
  • - Pratica: Marmabhyangam, il trattamento dei punti vitali delle gambe, braccia, tronco, schiena, viso e testa
4° incontro
  • - Teoria: Panchakarma i cinque principali trattamenti di disintossicazione. Snehanam, Pachanam oleazione e dieta leggera e bilanciata per favorire la digestione. Vari tipi di swedanam (trattamenti di sudorazione), benefici, controindicazioni e precauzioni
  • - Pratica: Prokshanam, Pragharshanam, Frizioni, Spugnature e trattamenti con l’acqua calda e fredda. Pichu, Katibasti, Urobasti, trattamenti di sudorazione nelle zone specifiche
5° incontro
  • - Teoria: Vamanam e Virecianam, L’importanza e la purificazione tramite il vomito e Purga nell’Ayurveda. Basti e Nasya, L’importanza del Clistere e della purificazione dei condotti nasali
  • - Pratica: Padaghat Abhyangam Massaggio Ayurvedico ringiovanente con i piedi
6° incontro
  • - Teoria: Samsaman e Samsarjan la dieta e le regime dopo i trattamenti di disintossicazione. : Rasayana, trattamenti di tonificazione e ringiovanimento, Vajikarana, potenziamento funzioni sessuali e riproduttive. Salute del Nascituro
  • - Pratica: Pindasweda: trattamenti di fomentazione con il riso bollito. Preparazione del decotto medicato. Shirodhara, flusso d’ olio medicato caldo sulla fronte e la testa
7° incontro
  • - Massaggio a Donne in gravidanza e neonati
8° incontro
  • - Teoria: Dravyaguna, Piante medicinali, classificazione secondo i parametri dell’Ayurveda. Effetto delle piante sui dosha. Pravritti e Nivritti tendenze materiali con attaccamento e senza attaccamento. Swasthya Praman, valutazione dello stato della salute
  • - Pratica: Utsadanam Massaggio Ayurvedico con i pasti di polvere vegetali medicati e oleosi. Gatralep / Upnaha il trattamento Ayurvedico con i pasti (erbe medicate) su tutto il corpo. Preparazione degli oli medicati, succhi e infusi Ayurvedici
  • - Ripasso e test di valutazione
Discussione della tesi con data da concordare.

Note e regolamenti

La frequenza minima richiesta ricopre il 90% dell’intero monte ore. L’ Attestato di partecipazione di ogni anno formativo verrà consegnato dopo aver superato l'esame.

Materiale occorrente:
Voglia di condivisione, carta, penna, 2 lenzuola, abiti comodi, un paio di ciabatte personali. Per una migliore qualità del Corso ed esigenze organizzative il calendario e relative materie didattiche potranno subire piccole variazioni, previa tempestiva comunicazione dalla direzione agli iscritti.

Insegnanti

Dr. Vaidya Swami Nath Mishra | Shubhaji Satyaranjan | Daniele Spinelli | Simona Caslini

Published in Ayurveda
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta